Archivio | maggio 2017

Perfino banale

 

«Vi curano bene?», mi chiese Bergotte. «Chi si occupa della vostra salute?»

Gli dissi che mi aveva visto, e senza dubbio mi avrebbe visto di nuovo, Cottard.

«Ma non è quel che vi ci vuole!», mi rispose. «Come medico non lo conosco; ma l’ho incontrato dalla signora Swann.
È un imbecille. Ammesso che questo non impedisca di essere un buon medico, cosa che stento a credere, impedisce d’essere un buon medico per artisti, per persone intelligenti… Cottard vi annoierà, e basterà la noia a impedire alle sue cure di riuscire efficaci. E poi, quelle cure non possono essere le stesse per voi e per un individuo qualunque. I tre quarti delle malattie delle persone intelligenti provengono dalla loro intelligenza. Per loro ci vuole almeno un medico che conosca quel male. Come volete che Cottard vi possa curare? Ha previsto la difficoltà di digerire i sughi, l’imbarazzo gastrico, ma non ha previsto la lettura di Shakespeare…»

 

Marcel Proust, All’ombra delle fanciulle in fiore