Un matto (dietro ogni scemo c’è un villaggio)

Frank Drummer (da Antologia di Spoon River, traduzione di Fernanda Pivano)

Da una cella a questo luogo oscuro –
la morte a venticinque anni!
La mia lingua non poteva esprimere ciò che mi si agitava dentro,
e il villaggio mi prese per scemo.
Eppure all’inizio c’era una visione chiara,
un proposito alto e pressante, nella mia anima,
che mi spinse a cercar d’imparare a memoria
l’Enciclopedia Britannica!

Nel 1971 uscì l’album di Fabrizio De André “Non al denaro non all’amore né al cielo“.

Nell’LP erano incisi nove pezzi ispirati all'”Antologia di Spoon River” di Edgar Lee Masters. Credo il pezzo più noto sia “Un giudice“, quello che “è una carogna di sicuro perché ha il cuore troppo, troppo vicino al buco del culo“; quelle che personalmente preferisco sono altre, ma non voglio fare una classifica.
Otto dei nove pezzi sono dedicati ciascuno ad uno dei morti che “dormono sulla collina” del cimitero di Spoon River, ciascuno con una storia per qualche ragione “esemplare”, ciascuno un “diverso”, io ho cominciato ad usare l’aggettivo “speciale” per i “diversi”, perché dire “speciale” è diverso che dire “diverso” (non mi sono incartato, mi piace giocare così…)
Per questo post ho scelto uno dei pezzi “altri”, forse quello che più è, in qualche modo, “speciale”, che forse più può “muovere a partecipare”, un pezzo di cui ho usato un verso in un post di qualche giorno fa.

Il brano è “Un matto“, sottotitolo geniale: “dietro ogni scemo c’è un villaggio“; geniale perché sottolinea la necessità della presenza di un “matto” ogni tot numero di persone sé dicenti “sane”, persone che nascondono la propria demenza (l’accettazione supina di una vita assurda in quanto innaturale) dietro la demenza del matto (demenza attribuita però arbitrariamente, ed “evidente” solo in quanto esposta ed all’uopo dileggiata).
I “sani”, nella omogeneità dei loro comportamenti, trovano certezze e conferme della propria normalità (banalità) scambiandola, appunto, per sanità mentale.

Da notare la musica, una ballata, che secondo me si attaglia al “matto” che è consapevole, lui, anche degli “altri”, e consapevole della necessità di “dare” anche “dopo”, pure con l’ovvio rimpianto della vita (“le mie ossa regalano ancora alla vita: le regalano ancora erba fiorita“)

Qua il testo di De André: (e buon ascolto)

Tu prova ad avere un mondo nel cuore e non riesci ad esprimerlo con le parole,

e la luce del giorno si divide la piazza tra un villaggio che ride e te, lo scemo, che passa,

e neppure la notte ti lascia da solo: gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro.

E sì, anche tu andresti a cercare le parole sicure per farti ascoltare:

per stupire mezz’ora basta un libro di storia, io cercai d’imparare la Treccani a memoria,

e dopo maiale, Majakowsky e malfatto, continuarono gli altri fino a leggermi matto.

E senza sapere a chi dovessi la vita in un manicomio io l’ho restituita:

qui sulla collina dormo malvolentieri eppure c’è luce ormai nei miei pensieri,

qui nella penombra ora invento parole ma rimpiango una luce, la luce del sole.

Le mie ossa regalano ancora alla vita: le regalano ancora erba fiorita.

Ma la vita è rimasta nelle voci in sordina di chi ha perso lo scemo e lo piange in collina;

di chi ancora bisbiglia con la stessa ironia “una morte pietosa lo strappò alla pazzia”

Annunci

10 thoughts on “Un matto (dietro ogni scemo c’è un villaggio)

        • e se ce provi io ce sto!
          ma mette male… siamo distanti… però può darsi che capito dalle tue parti fra un qualche po’… ti faccio un chiamo…
          ah! io sto vicino Savona (vedi che siamo lontani?) 😉

            • potrei prenderla come una minaccia…
              facciamo che sono intrepido, e lo prendo come un incoraggiamento
              una volta ho fatto 120 km per un caffè. erano altri tempi, eravamo in compagnia, ma la testa è la stessa… e poi una birra non è un caffè… quanti chilometri mi tocca fare?

              • Savona Lucca sono due ore
                Ci si vede da qualche parte a metà strada
                Pensa che per un po’ venni a cercare fondi commerciali anche la… Altri tempi.

                • lucca ci sono passato due volte nell’ultimo anno… per andare a montecatini. ci ho anche dormito una notte…
                  senti, io ho un sacco di casini ora come ora… che non mi godrei una minchia, neanche una birra.
                  intanto metà strada non se ne parla, sennò è liguria, decisamente meglio toscana, (a meno che per te sia meglio liguria, sia chiaro, fai tu)
                  però il tutto rimandato alla primavera, spero di avere risolto almeno il lato logistico, che quando hai a che fare con “professionisti” che sembrano impiegati del catasto… (senza offesa per gli impiegati del catasto)
                  rispondimi via mail (lusipo@libero.it) che comunque vada a fine marzo ti do il (mio) via libera.
                  Ciao. Silvio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...