I buchi nella Sanità Pubblica (1)

Nella mia regione, la Liguria, e nella mia ASL, la ASL 2 “del Savonese”, si taglia sulla Sanità. Si taglia su tutto, ho personalmente subito l’effetto dei tagli ed un danno per l’incuria e superficialità di un medico, ma questo sarà argomento di un altro post. Ora racconterò di un episodio avvenuto questa primavera.

Ho una gamba, la sinistra, sensibilmente più lunga dell’altra, due centimetri. La cosa non mi ha mai dato particolare fastidio, non amo passeggiare, ho sempre usato mezzi a motore per spostarmi o la bicicletta.

Però all’inizio di quest’anno avevo preso l’abitudine di fare, una o due volte la settimana, un paio di chilometri a piedi, in occasione di incontri con mio figlio. Avevo così avvertito dei fastidi all’anca sinistra. Decisi che dovevo mettere un plantare, andai dal mio medico che, forse per un disguido, mi prescrisse una visita fisiatrica.

L’appuntamento presso la ASL era per diversi mesi dopo e, in regime di convenzione, mi rivolsi ad un noto “Istituto”. Dissi subito al fisiatra che avevo una gamba più lunga, che camminando sentivo dolore. Mi visitò, su un lettino, e sentenziò che dovevo fare non so quali applicazioni perché avevo “un’infiammazione ai tendini”. Anche se lievemente “stordito” da tanta faccia tosta, lo stoppai subito dicendo che io avevo bisogno di un plantare, perché l’anca che insisteva sull’arto più lungo era sollecitata in modo anomalo.

Sembrava che avessi bestemmiato: «Lei è dottore? Il dottore ha prescritto la visita fisiatrica!». E io: «Ma il medico può sbagliare, comunque mi faccia una prescrizione, ho pagato, lei mi ha visitato, non è giusto che lei abbia lavorato per niente.» Lui: «No, non ritengo fatta la visita.» «No, guardi, mi faccia la prescrizione.»

Alla fine la vinse lui, ma mentre mi rivestivo sottolineai: «Se ho male all’anca perché cammino male, posso fare tutte le applicazioni del mondo, se continuerò a camminare male avrò sempre dolore, non bisogna essere medici per arrivarci!»

Mi restituirono in contanti i trenta euro che avevo pagato con carta di credito, mi rivolsi ad una podologa e con un primo plantare ho risolto parzialmente il problema. Non avrei dovuto andare dal fisiatra d’accordo… ma qualcuno ha mai sentito parlare di tendini all’anca??? Ovviamente non poteva farmi una prescrizione di non so quali applicazioni, avrà forse pensato di essere davanti a qualcuno di “Striscia la notizia”?

Ecco, non so quanto avrei speso ma trenta euro di prima visita, trenta di seconda, in mezzo non so quante applicazioni (inutili) di un qualche antinfiammatorio e magari di laser, ultrasuoni o che so io, la seconda visita avrebbe rilevato ovviamente che il primo ciclo di applicazioni non aveva sortito effetto e allora altro ciclo e (forse?) la terza visita avrebbe stabilito che ero “guarito”.

Naturalmente io avrei pagato (inutilmente) “solo” i ticket delle prestazioni, la Regione Liguria avrebbe allargato (inutilmente) il buco versando la differenza. Avesse trovato una persona sprovveduta sarebbe andata così… c’erano tante, tante persone anziane in attesa in quel noto “Istituto”.

Il buco: se ne conosci le ragioni… lo eviti!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...